Schweiz – Föderalismus – direkte Demokratie

Franco sul balcone

Einführung

Vorweg möchte ich feststellen, dass die folgenden Informationen aus offiziellen Websites des Bundes, des Kantons Bern und der Gemeinde Bern stammen. Sites, von denen alle offiziellen Links aufgrund der Informationen vorhanden sind.

Nach dem Verfassen der Broschüre "Willkommen in Bern für Neuankömmlinge „ in Zusammenarbeit mit dem COMITES und der Italienischen Botschaft, habe ich beschlossen, dieses Kompendium zu schreiben und dabei nützliche Informationen
zum komplexen Thema Föderalismus und direkte Demokratie in der Schweiz zusammenzustellen.
Der Wunsch zu diesem Kompendium entstand aus meiner Erfahrung in der Schweizerischen Sozialistischen Partei
seit Anfang 2017 und aus derjenigen in der SP MigrantInnen Kanton Bern, seit ihrer Entstehung im Januar 2017. Ich
hatte bereits an verschiedenen Delegiertenversammlungen der kantonalen Sozialistischen Partei sowie an
Vorstandssitzungen der SP-MigrantInnen teilgenommen und war, zusätzlich zu den Parteiversammlungen, auch bei
einigen Sitzungen des Berner Gemeinderates anwesend gewesen. Nun wollte ich Ordnung schaffen in meinen
Kenntnissen über die betreffende politische Thematik und diese Informationen für diejenigen nützlich machen, die
sich in die Welt des komplexen Themas des Föderalismus und der direkten Demokratie des Landes, wagen, die es am
besten für die Welt auslegt, zur Verfügung stellen.
Der Erfolg dieses Systems in der Schweiz liegt meiner Erfahrung nach an der Bedeutung welche die Schweiz der
bewussten Bürgerbeteiligung auf allen Ebenen zugesteht, denn jeder Volksabstimmung geht die Versendung des
Materials mit den Wahlthemen voraus und finden Fernsehdebatten statt, wie "L'ARENA" auf SF1 und anderen
Programmen des jeweiligen nationalen Fernsehens.
Auf kommunaler Ebene werden alle Gemeinderats- und Kantonsversammlungen, einschließlich beider
Tagesordnungen und der Protokolle der vorherigen Sitzung im "Anzeiger der Stadt Bern" veröffentlicht, einer
Gratiszeitung, die der Information im Konglomerat der Stadt Bern dient. Da die Sitzungen öffentlich verstanden sind,
haben alle Schweizer Bürger sämtliche Informationen, um aktiv mitzuwirken und zu verstehen, wofür Sie stimmen.
Natürlich findet sich jeder in der Partei wieder, die ihm am meisten entspricht oder die ihm nahestehende Themen
und Projekte weiterträgt.
Es ist interessant, dass Gemeinderäten oder Nationalräten grundsätzlich nicht verpflichtet sind immer nach den
Angaben der Partei zu wählen, sondern aber nach ihrem Gewissen. Im Allgemeinen werden Postulate von die Partei
der Mehrheitskoalition verabschiedet und die der Oppositionsparteien abgelehnt. Ein weiterer Grund, der mich dazu
gedrängt hat, dieses Kompendium an Informationen zu schreiben, ist die Hoffnung, damit die neue Generationen
der Italienischen Migration aufzuwecken und sie zu motivieren, am lokalen sozialen und politischen Leben
teilzunehmen. Sowie die Rechte der Migranten verteidigen und zumindest für diejenigen, die hier ihren Wohnsitz
haben, die politischen Rechte zu erlangen.
Bern, 25. April 2018

Documento intero consultabile qui

Annunci

Federalismo e sistema politico della Svizzera

Franco sul balcone

Introduzione

Premetto che le informazioni che seguono sono prese da siti ufficiali della Confederazione, del Cantone di Berna e del Comune di Berna. Siti dei quali sono presenti tutti i link ufficiali a seguito delle informazioni.

Dopo aver scritto “Benvenuti a Berna”, da cui è nata la guida “Benvenuti a Berna per i nuovi arrivati” in collaborazione con il COMITES e l’Ambasciata d’Italia, ho deciso di scrivere questo compendio e mettere insieme le informazioni utili sul complesso tema del Federalismo e la Democrazia Diretta Svizzera.

Tale scelta è nata dalla mia esperienza nel Partito Socialista Svizzero dall’inizio del 2017 e nel Partito Socialista dei Migranti Cantonale dalla sua nascita gennaio 2017. Avendo già preso parte a diverse Assemblee dei Delegati del Partito Socialista Cantonale e nel direttivo del SP- MigrantInnen, oltre a riunioni di Partito e assistito a qualche riunione del Consiglio Comunale Bernese, ho pensato di fare un po’ d’ordine nelle mie conoscenze politiche e della Svizzera. E rendere utili tali informazioni a chi si avventura nel mondo del complesso tema che è il federalismo e la democrazia diretta del paese, che meglio la interpreta al mondo. Il successo di tale sistema, sta nell’importanza che la Svizzera da alla partecipazione consapevole dei cittadini a tutti i livelli, in quanto ogni votazione popolare è preceduta dall’invio postale del materiale dei temi in votazione e dai  dibattiti televisivi, come “L’ARENA”su SF1 e altri programmi delle rispettive TV nazionali.

A livello comunale tutte le riunioni del consiglio comunale e cantonale, inclusi sia i trattati che i protocolli della precedente seduta, vengono pubblicate nel “Anzeiger” giornale gratuito d’informazione e inserzione della conglomerazione della città di Berna. Poiché le sedute sono pubbliche capite, che come cittadini svizzeri, si ha tutte le informazioni per prendere parte attiva e capire per cosa si vota. Naturalmente ognuno si ritrova nel partito che più gli interessa o che porta avanti temi e progetti a lui vicino. Ciò che è interessante e che i consiglieri non sono legati in via di massima a votare sempre secondo le indicazioni del partito, ma secondo la loro coscienza. In genere è sempre il Partito o la Coalizione di maggioranza a far passare i propri emendamenti o a bocciare quelli dell’opposizione.

Un altro motivo che mi ha spinto a scrivere tale compendio d’informazioni, sta nella speranza di svegliare le nuove generazioni dell’emigrazione italiana e motivarli a partecipare alla vita sociale e politica locale, che difendano i diritti dei Migranti e il raggiungimento dei diritti politici almeno per coloro, che hanno la residenza.

Berna, il 9 aprile 2018

Documento intero consultabile qui

Franco Castrovillari “La mia vita”

foto-di-franco-a-15-anni

Introduzione

La mia vita è un racconto in forma di biografia su ciò che ho vissuto. Ho
sempre cercato di migliorare durante tutto il mio cammino. Spero di non
essere troppo permaloso e noioso nella descrizione dei vari passaggi, ma di
riuscire a svegliare il vostro interesse e aiutare tutti coloro, che hanno
difficoltà ad affermarsi nel lavoro e nella società a non arrendersi davanti a
una disfatta e farne ricchezza traendone esperienza. La vita ci dà sempre
delle nuove possibilità, anche quando tutto sembra finito mai arrendersi.
Soprattutto rivedendo il racconto della mia infanzia e delle mancate
possibilità di poter studiare, che mi hanno dato il coraggio di scrivere questa
biografia e metterla a disposizione delle nuove generazioni. Ringrazio tutte le
persone che durante il mio cammino ho conosciuto e che hanno contribuito
a migliorare le mie conoscenze. Un Grazie profondo alla Presidente
Dottoressa Anna Ruedeberg, che con il suo impegno e le sue conoscenze di
vita contribuisce a aiutare molte famiglie in difficoltà e a diffondere oltre a
speranze anche cultura tramite La Dante e l’Unitre di Berna.

Berna 29.05.2018

Documento intero consultabile qui

 

Benvenuti a Berna

Cosa-vedere-a-Berna-il-centro-e-il-fiume-1024x575

Introduzione

Care connazionali, cari connazionali, dopo 8 mesi intensi di ricerca e lavoro gratuito, vi presento la guida “Benvenuti a Berna” è stata realizzata per poter aiutare chi, come voi, ha deciso di trasferirsi in Svizzera per ragioni di lavoro, di studio o personali.

L’idea di fare una guida per i nuovi arrivati è partita dall’ambasciata d’Italia in Svizzera, che la presidente Maria Chiara Vannetti presentò al COMITES nel giugno 2015. Così, esattamente un anno fa’, dopo un
primo incontro con la direttrice del centro di Competenza Migrazione della città signora
Ursula Heitz, con Maria Chiara e altri due membri del Comites, mi resi conto delle difficoltà
per realizzare tale guida, essendo l’unico che padroneggiava il tedesco e le conoscenze
della citta. Cosi pensai di partecipare a vari incontri dati dalla città per i nuovi arrivati,
organizzati dall’ufficio di Competenza e Migrazione della città, in collaborazione con la
polizia degli stranieri e raccogliere più informazioni possibili per cominciare il progetto.
Mi resi conto che tale lavoro dovevo portarlo avanti da solo, vista la complessità delle
informazioni e della loro fonte, essendo tutto in tedesco. Come primo passo fu di far
controllare la guida alla signora Marianne Helfer, responsabile dell’ufficio di competenza
della città di Berna, la quale mi consigliò di darla da controllare a tutti gli uffici menzionati.
La guida contiene informazioni utili per chi arriva in Svizzera e a Berna:
-Informazioni sia di carattere generale, che di carattere istruttivo sulla Confederazione, il
Cantone e la Città utili anche a chi ci vive da lungo.
-Indirizzi dei vari uffici di registrazione della città e dei vari permessi di soggiorno; –
informazioni sugli uffici di consulenza privata, sia per problemi di scuola, che
d’integrazione;
-informazioni riguardanti gli accordi Italo –Svizzeri sulla libera circolazione;
-su autodichiarazione di beni posseduti all’estero per residenti in Svizzera, accordo del 23
febbraio 2015,
-fac-simile di autodichiarazione;
-informazioni riguardanti l’Ambasciata d’Italia, -informazioni sul sistema sociale di
previdenza e altro.
-il Consolato e tutto ciò che è bene sapere riguardo a uffici, patronati, scuole, istituzioni e
associazioni italiane a Berna e in Svizzera; informazioni sui COMITES ;
– quali sono chi sono i rappresentanti consolari dei cantoni di Berna, Neuchâtel e Friburgo;
-numeri d’urgenza; -indirizzi di tutte le scuole di tedesco; ringraziamenti a tutti coloro che
hanno contribuito alla realizzazione e al controllo finale;
-le regole di comportamento verso il vicinato.
Auguro a tutti una buona dimora e un facile inserimento nella città e in Svizzera.

Documento intero consultabile qui